ADOLESCENZA

Skateboards

In modo simile alla prassi di lavoro su disagi nell’infanzia, il lavoro clinico con adolescenti e giovani adulti inizia con un approfondimento diagnostico del disagio, preliminare alla definizione di un progetto di lavoro. 

La complessità dei compiti evolutivi tipici dell’età adolescenziale o della giovinezza rende frequente la manifestazione di disagio in termini di difficoltà relazionali, manifestazioni d’ansia, ritiro sociale, disordini del comportamento alimentare, se non come conflitti intergenerazionali o oppositività. 

Spesso tali manifestazioni rappresentano disagi evolutivi e fisiologici connessi alla crescita, che chiedono di essere espressi e trattati come comunicazioni e richieste di ascolto di bisogni che il ragazzo/giovane non riesce ad esprimere diversamente e a comprendere/gestire in modo efficace. In tal caso, da un lato l’alleanza clinica con il ragazzo/giovane e dall’altra la possibilità di intrecciare momenti di lavoro con i componenti significativi della sua famiglia, consente di calibrare il percorso su piani di lavoro diversi ma connessi della relazione, a beneficio della costruzione di percorsi possibili di benessere per i figli in crescita e per i legami familiari in cui sono inseriti